Anteprima GP d’Austria – Statistiche, storia e curiosità

Il Gran Premio d’Austria sarà il secondo del trittico europeo (Francia, Austria, Gran Bretagna), quindi i piloti non avranno il tempo di tagliare il traguardo che dovranno partire subito per l’Inghilterra dove si terrà l’ultimo gran premio del trittico per poi avere una pausa di due settimane prima del ritorno del GP di Germania.

Arriviamo in Austria con un Lewis Hamilton che domina il mondiale piloti con 14 punti di vantaggio sul tedesco della Ferrari, che ha avuto una brutta partenza seguita da una penalità nel Gran Premio di Francia della scorsa settimana.

La Ferrari in questo gran premio deve riscattarsi e mostrare quanto vale come Sebastian Vettel, anche perché Spielberg è una pista di motore, con poche curve e molti rettilinei. La power unit Ferrari fin qui non ha avuto problemi, ma la potenza qui deve sposarsi con l’aerodinamica per riuscire ad affrontare nel miglior modo possibile i curvoni veloci qui presenti.

Curiosità:

La prima edizione del Gran Premio d’Austria valida per il mondiale di Formula 1 si disputò nel 1964 in un circuito ricavato su un aeroporto militare, nei pressi di Zeltweg.

L’anteprima Brembo, che mostra con quale difficoltà i piloti di Formula 1 utilizzeranno l’impianto frenante durante il Gran Premio d’Austria

Un po’ di storia sul circuito:

La prima edizione del Gran Premio d’Austria di Formula 1 risale al 1964, allora si disputò in un circuito ricavato su un aeroporto militare, poi a causa di una superficie sconnessa le condizioni del circuito si rivelarono non idonee per la massima serie automobilistica con numerose rotture di sospensioni all’attivo. Successivamente, la Formula 1 torna in Austria nel 1970 sul circuito <Osterreichring> situato a Stiria, per poi essere sospeso nel 1987. Nel 1997 dopo un’assenza decennale si ritorna a correre in Austria sul nuovo circuito “A1-Ring” con un contratto di sette anni che scadette nel 2003, anno dell’ultima vittoria di Michael Schumacher in Ferrari.

Dal 2014 si corre nel Red Bull Ring situato a Spielberg dopo che il proprietario della Red Bull riuscì ad accordarsi con Bernie Eccleston.

Conformazione del circuito:

Con una velocità media intorno ai 240 km / h, il circuito da 4,3 km è uno dei più veloci che i piloti incontreranno quest’anno. I punti salienti includono i due veloci mancini alle curve 6 e 7 che si aggirano intorno alla statua del “Bull of Spielberg” che domina la pista, così come il possente salto a destra nella Jochen Rindt Kurve alla curva 9.

I piloti andranno a pieno regime per circa il 65% di ogni singolo giro, anche a causa delle curve ad alta velocità presenti sul circuito. Il circuito inoltre è a 680 metri sul livello del mare.

Quest’anno oltre alle due zone DRS presenti sul circuito, la FIA ha deciso di inserire una terza zona DRS che ricopre il rettilineo della partenza.

Un po’ di numeri sul circuito…:

  • Da quando si corre sul Red Bull Ring ha sempre vinto la Mercedes (2 vittorie Rosberg, 1 Hamilton e 1 Bottas),
  • Il pilota più vincente in Austria di sempre è Alain Prost con 3 vittorie, seguito da Peterson, Jones, Hkkinen, Schumacher e Rosberg a 2 vittorie,
  • Il costruttore con più vittorie è McLaren con 6 vittorie, seguito da Mercedes (7 vittorie) e Ferrari (5 vittorie),
  • Il poleman d’Austria è Niki Lauda insieme a Nelson Piquet e Renè Arnoux con 3 pole, seguiti da Fittipaldi, Hakkinen, Schumacher e Hamilton a quota 2,
  • Il giro veloce del Red Bull Ring appartiene a Lewis Hamilton ed è di: 1:07.411.

Previsioni meteo per il weekend:

Le sessioni di prove libere del venerdì saranno probabilmente colpite da piogge, o addirittura colpite da un temporale. Nella giornata di sabato dovrebbero esserci circa 25°C, ma di nuovo con possibilità di pioggia o temporali. Nel frattempo, c’è una probabilità del 20% di pioggia per la gara, ma le temperature dovrebbero rimanere abbastanza calde a circa 24 gradi.

Anteprima Pirelli per il Gran Premio d’Austria (vedi qui quello completo):

 

Ruggiero Dambra by Instagram – Twitter

Seguici su FACEBOOK e INSTAGRAM
ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM sul motorsport,
nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi

Precedente La Renault porterà un’evoluzione dell’MGU-K in Austria Successivo Conferenza stampa del giovedì GP d'Austria

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.