Formula 1 | Charles Leclerc è il più veloce di tutti tra due bandiere rosse nella seconda sessione di libere a Baku

Charles Leclerc a bordo della Ferrari è il pilota più veloce della seconda sessione di prove libere, seguito dal compagno di squadra Sebastian Vettel e da Lewis Hamilton, nonostante la doppia interruzione.

La seconda sessione di prove libere del venerdì, in realtà è stata la prima vera sessione di prove libere del weekend del Gran Premio dell’Azerbaijan, dopo che la prima sessione è stata annullata a causa dell’incidente della Williams di George Russell causato da un tombino.

La prima sessione di prove del Gran Premio dell’Azerbaijan libere è stata annullata a
causa di un tombino

Questa è stata una seconda sessione ricca di colpi di scena, dopo la prima mezz’ora circa è stata esposta la prima delle due bandiere rosse, causata da un errore del pilota della Racing Point, Lance Stroll, dopo aver toccato le barriere e aver distrutto la sospensione anteriore e posteriore sinistra, che ha interrotto la sessione.

La seconda bandiera rossa invece, è stata esposta a mezz’ora dal termine della sessione, questa volta a causarla è stato il pilota della Toro Rosso di Daniil Kvyat, rimbalzando prima con la posteriore sinistra e poi con l’anteriore destra contro le barriere, causando la rottura dei entrambe le sospensioni e un principio d’incendio nell’anteriore. A questo proposito è tardato l’intervento dei commissari nonostante il sollecitamento del pilota (illeso) che doveva uscire dall’abitacolo.

Altro “bacio” al muro, in curva 7, quello di Charles Leclerc con la Ferrari, andato però bene, infatti il pilota monegasco è riuscito a non creare danni alla sua SF90 e ai suoi pneumatici che sono stati utilizzati successivamente per la simulazione del passo gara. Un’altra segnalazione di “brivido in pista” è quella avvenuta nel finale di sessione tra Lewis Hamilton a bordo della Mercedes e Kevin Magnussen della Haas, dove quest’ultimo ha ingaggiato una lotta per una “posizione fantasma” con il campione del mondo in carica.

Charles Leclerc, ha fatto registrare il tempo di 1.42,872 distanziando il suo compagno Sebastian Vettel di 0,324 secondi, mentre Lewis Hamilton è stato il pilota più vicino alla Ferrari con un gap di 0.669 s. mentre è stato diviso dalla Red Bull di Max Verstappen dal suo compagno di squadra Valtteri Bottas in quinta posizione.

| Gli orari della diretta e della differita del Gran Premio dell’Azerbaijan 2019

Ottima sessione per il pilota della Toro Rosso, Daniil Kvyat, che nonostante il contatto con il muro ha concluso la sessione alle spalle del pilota finlandese della Mercedes, in sesta posizione, davanti alla McLaren di Carlos Sainz che lo divide dal suo compagno di squadra Alexander Albon. A chiudere la top 10 ci sono poi Pierre Gasly e Lando Norris, trovando così 5 costruttori nelle prime 10 posizioni.

Male per la Williams che si conferma la più lenta di tutti con Robert Kubica, mentre George Russell non ha partecipato alla sessione dopo l’incidente che lo ha coinvolto nella prima sessione, mentre l’altro pilota incidentato nella seconda sessione di prove libere, Lance Stroll ha concluso in 18esima posizione, avanti solo alle due Williams, mentre il suo compagno Sergio Perez ha concluso in 13esima posizione, alle spalle di Kevin Magnussen e Antonio Giovinazzi.

Dopo l’incidente nella prima sessione di prove libere, anche post seconda sessione di prove libere, verranno eseguiti i controlli di tutti i circa 300 tombini presenti sul circuito di Baku, che ospita il Gran Premio dell’Azerbaijan.

LA CLASSIFICA FINALE:

LEGGI ANCHE QUESTI ARTICOLI SE TI INTERESSANO:

Seguici su FACEBOOK ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM sulla Formula1 per essere aggiornato sulle news e nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi

Precedente Formula 1 | Dopo l'incidente nelle prime prove libere, Claire Williams: "Non è accettabile" Successivo Formula 1 | Pierre Gasly partirà dalla corsia dei box nel Gran Premio dell'Azerbaijan di domenica

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.