Qualifiche GP del Brasile | Pole di Lewis Hamilton, secondo Sebastian Vettel, convocato dai commissari

Nel weekend del Gran Premio del Brasile abbiamo visto alternarsi diversi leader nelle varie sessioni di prove libere, fino ad arrivare al poleman Lewis Hamilton.

Lewis Hamilton diventa poleman senza aver subito penalità e senza essere stato convocato dai commissari dopo aver ostacolato prima Kimi Raikkonen e poi Sergey Sirotkin. Mentre Sebastian Vettel in seconda posizione viene convocato dai commissari di gara per aver commesso delle irregolarità nelle operazioni di verifica da parte dei commissari.

Photo edit: F1 Twitter

Qualifiche F1 GP del Brasile 2018, sintesi Q1

All’accensione del semaforo verde i dati di Meteo France, segnalano un 60% di possibilità di precipitazioni, quindi sono tutti in fila per scendere in pista per segnare il giro più veloce prima della possibile precipitazione.

Charles Leclerc, guida i piloti allo start delle qualifiche, ma il primo pilota a far segnare il primo giro cronometrato è Lewis Hamilton con un tempo di 1:08.464 ma subito “bruciato” da Max Verstappen, che si porta in testa alla classifica con un tempo di 1:08.205.

Quando mancano 10 minuti al termine della sessione la situazione è: Verstappen – Raikkonen – Vettel – Hamilton – Magnussen – Bottas – Ricciardo – Leclerc. Nello stesso momento vari piloti tra cui Raikkonen e Verstappen dichiarano tramite team radio di notare l’avvicinarsi della pioggia.

Photo edit: F1 Twitter

Pioggia che arriva sul tracciato a tre minuti dal termine della sessione e lo fa notare Pierre Gasly con un nervoso team radio “piove! piove!” perchè è nel suo giro veloce, ma nonostante ciò si inserisce in dodicesima posizione salvandosi dall’eliminazione.

Gli esclusi di questa prima manche di qualifica sono: Stoffel Vandoorne P20 – Lance Stroll P19 – Fernando Alonso P18 – Brendon Hartley P17 – Carlos Sainz P16.

Qualifiche F1 GP del Brasile 2018, sintesi Q2

Nella seconda manche di qualifiche la lotta sarà più accesa a causa della pioggia che potrebbe abbattersi sul circuito, quindi tutti i piloti usciranno con una certa velocità (come chiesto da Pierre Gasly alla Toro Rosso), per tentare di fare il giro veloce e qualificarsi per l’ultima manche prima che cada molta pioggia.

All’accensione del semaforo verde scendono in pista tutti i piloti con gomma supersoft, per far segnare il giro più veloce, perchè tutti gli ingegneri di pista comunicano ai propri piloti che nel giro di quattro minuti arriverà la pioggia (anche se lieve).

La Ferrari a sorpresa con Kimi Raikkonen è la prima a cambiare strategia, montando le gomme medie (banda gialla), seguito anche da Sebastian Vettel che viene però fermato sulla pesa per i controlli di routine ma poi scende anche lui in pista con gomma gialla.

Questa strategia sarà utile per partire in gara con mescola più dura, (perchè i primi dieci partono con la gomma con cui fanno il giro veloce in Q2), e allungare lo stint prima della soste ai box.

Photo edit: F1 Twitter

Nel frattempo Valtteri Bottas fa segnare il giro più veloce mettendosi in prima posizione con un tempo di 1.07.727, seguito da Lewis Hamilton e Max Verstappen, ma i risultati ripagano la Ferrari che inserisce Kimi Raikkonen in quinta posizione (che perde un po’ di tempo con Lewis Hamilton che non si sposta e ripete lo stesso con Lance Stroll ed è pericolo penalità) e Sebastian Vettel in seconda posizione.

La Red Bull con Daniel Ricciardo e Max Verstappen e la Mercedes con Lewis Hamilton e Valtteri Bottas montano le gomme gialle, ma nessuno di essi si migliora dopo aver fatto segnare il giro veloce con le supersoft e ciò significa che la Ferrari sarà l’unico team a partire con gomma gialla tra i top team.

Da segnalare il comportamento pericoloso di Lewis Hamilton che crea impedimento (per lo stesso motivo in Austria Sebastian Vettel ricevette 3 posizioni di penalità) prima a Kimi Raikkonen e dopo a Lance Stroll in maniera più pericolosa, evitando un incidente pericolosissimo.

Photo edit: Sauber Twitter

Charles Leclerc al limite, negli ultimi secondi tenta di entrare in top 10 con gomma rossa rifiutandosi di entrare ai box dopo gli ordini del suo ingegnere di pista e il risultato arriva, infatti il pilota monegasco si infila in ottava posizione e accede alla Q3, insieme a Pierre Gasly che lascia fuori Kevin Magnussen.

Gli eliminati nel Q2 sono: Kevin Magnussen – Sergio Perez – Esteban Ocon – Nico Hulkenberg – Sergey Sirotkin

Qualifiche F1 GP del Brasile 2018, sintesi Q3

I partecipanti alla terza manche di qualifica del Gran Premio del Brasile saranno le due Mercedes, le due Ferrari, le due Red Bull, a sorpresa le due Sauber con Marcus Ericsson e Charles Leclerc, Romain Grosjean (per la prima volta nel weekend avanti al compagno) e Pierre Gasly.

All’accensione del semaforo verde scendono in pista solo Charles Leclerc e Marcus Ericcson che scendono in pista con gomma usata per controllare le condizioni della pista, subito dopo escono le Ferrari e le Mercedes.

Marcus Ericsson chiude il suo giro con un giro di 1:08.432 seguito da Charles Leclerc a +0.060, ma è Sebastian Vettel a conquistare la pole position provvisoria con un tempo di 1:07.374, ma poi Lewis Hamilton la ruba per 0.073 secondi. Al 6 minuti dal termine la classifica è: Hamilton – Vettel – Bottas – Raikkonen, chiusi in 0.155 secondi.

Arriva la segnalazione per Sebastian Vettel perchè nelle operazioni di peso il pilota della Ferrari non ha spento il motore e ha danneggiato l’attrezzatura per effettuare le misurazioni (ndr. un birillo).

Nell’ultimo giro lanciato escono tutti a 2 minuti dal termine e il primo a lanciarsi sarà Valtteri Bottas seguito da Lewis Hamilton e le due Ferrari, Lewis Hamilton con un secondo settore fucsia fa segnare il tempo di 1:07.281 che gli vale la pole position del Gran Premio del Brasile (e salvo penalità) partirà in prima fila affianco a Sebastian Vettel (salvo penalità).

Photo edit: FIA Twitter

Ruggiero Dambra InstagramTwitter

Seguici su FACEBOOK ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM sulla Formula1 per essere aggiornato sulle news e nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi

Precedente FP3 GP del Brasile | Sebastian Vettel recordman mentre Lewis Hamilton e Valtteri Bottas a mezzo secondo Successivo GP del Brasile | Lewis Hamilton giudica irrispettosa la manovra di Sergey Sirotkin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.